Site Loader

CARRARA – Importante decisione del Tar Toscana su una causa che riguarda il canone annuale per la concessione di un’area demaniale marittima a Carrara. Con unaordinanza dello scorso 18 maggio il Tribunale amministrativo toscano ha concesso una sospensiva in merito al ricorso presentato dal titolare di un noto negozio di nautica cittadino, la Società Nautica Forza 7 contro l’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale, che unisce i porti di La Spezia e Marina di Carrara, riguardo l’affitto annuale da versare all’Autorità portuale per l’occupazione di un’area demaniale. Il titolare dell’esercizio commerciale, in sostanza, ha contestato il canone d’affitto impostogli dall’ente, il cui ammontare complessivo era stato fissato in 25mila euro annuali, sostenendo che la corretta cifra da pagare avrebbe invece dovuto essere 5.600 euro all’anno. La questione è di bruciante attualità, poichè molte imprese commerciali, a seguito della finanziaria 2007, hanno subito aumenti del canone demaniale, a volte anche superiori anche al 300%. Tutto ciò, aggiunto alla crisi economica ancora in atto, ha costretto molte ditte a chiudere i battenti. Altre, invece, impegnate in centinaia di ricorsi, attendono ancora le sentenze. Per dimostrare la fondatezza delle proprie ragioni l’imprenditore si è avvalso della competenza dell’avvocato Luciano Montemitro e dell’ingegnere Giannicola Ruggieri dello studio BM Avvocati di Foggia. I due professionisti, attraverso un ricorso di altissimo profilo tecnico, hanno convinto i giudici fiorentini a concedere all’imprenditore una sospensiva per quanto riguarda il pagamento della cifra stabilita dall’Autorità portuale, in attesa dell’udienza vera e propria, fissata per il prossimo 7 novembre.

– M.R. Calamita –

Post Author: mido